Portafoglio e ambiente, ritorno al passato

In questi giorni fa notizia la proposta della provincia di Trento di dotare una decina di locali del capoluogo, che aderiscono all'iniziativa, di contenitori per gli avanzi e tappo per la bottiglia di vino.


Il simpatico slogan dell'iniziativa è «Ri-gustami a casa: col tuo cibo riempi il frigo, non il cestino»: le vaschette distribuite nella fase sperimentale di sei mesi saranno in totale 40 mila. Tale soluzione, attiva già da diversi anni in America, mira a ridurre l'impatto ambientale del settore ristorativo trentino.

Il nostro è infatti un periodo di forte sensibilità ambientale in cui si tende a valorizzare tutte quelle soluzioni che contribuiscono alla salvaguardia dell'ambiente. Se a tali soluzioni abbiniamo anche un risparmio economico per il consumatore si riesce ad abbinare due condizioni favorevoli.

Non a caso in questo periodo si stanno sviluppando in tutta Italia i distributori alla spina di cibo secco sfuso (pasta, cereali, riso ...) e di liquidi (vino, olio, latte, acqua, succhi ...). Tale soluzione, infatti, permette una riduzione del packaging e di bottiglie (riutilizzo del vuoto) contribuendo alla salvaguardia dell'ambiente e contemporaneamente garantisce un risparmio per il consumatore grazie alla riduzione dei costi e all'eliminazione degli intermediari.  Utilizzando prodotti alla spina si stima un risparmio di 850 euro circa annui a famiglia. In questi punti vendita il consumatore, oltre a trovare varie tipologie di prodotti sfusi, trova anche diverse soluzioni miranti alla salvaguardia dell'ambiente: biocompattatori, sacchetti per la raccolta differenziata.

Anche le soluzioni di acquisto in azienda o di raccolta in campo dei prodotti agricoli sono sostenibili ambientalmente (prodotti a km 0) ed economicamente (filiera corta).

Esaminando queste soluzioni mi chiedo: non sarà tutto questo un ritorno al passato? I nostri nonni non tornavano a casa con la busta degli avanzi del ristorante? Non acquistavano i prodotti dai sacchi nelle "botteghe"? Non mangiavano i prodotti della loro terra?

Ho l'impressione che stiamo lentamente tornando alle nostre origini contadine abbandonando la società consumistica dei giorni nostri con inevitabili guadagni per l'ambiente e il nostro portafoglio.

 
Share |

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione accetto la Policy sui cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information